La carenza di vitamina D visibile con le radiografie dentali

In uno studio della McMaster University Megan Brickley si è evidenziato che i denti possono svelare un eventuale carenza di vitamina D. La ricerca prese inizio dalla osservazione radiologica in reperti archeologici della differente morfologia della polpa dentaria tra soggetti affetti da carenza di vitamina D e soggetti normali. Quindi con una semplice radiografia possiamo…

Cellule staminali prelevate dai terzi molari

  Le cellule staminali rappresentano la nuova sfida per la rigenerazione di cellule e tessuti danneggiati da malattie o traumi. Una nuova tecnica messa a punto a Las Vegas nell’Università del Nevada UNLV ha permesso di produrre, dalla polpa dentaria di terzi molari estratti per svariati motivi, una quantità quadrupla di cellule staminali attive rispetto…

Gomma da masticare rivelatrice di Perimplantite

Quando è presente perimplantite la gomma da masticare (chewingum) risulta amara. Una ricerca effettuata in più stati europei e in Italia dal prof. Mauro Merli parodontologo della Università politecnica delle Marche a Rimini ha evidenziato questo fenomeno nei pazienti che hanno impianti endossei e sono affetti da perimplantite. In questa malattia si producono metalloproteinasi come l’MP8…

Quale è il sorriso perfetto?

Uno studio americano dell’Università del Minnesota (USA) utilizzando una ricostruzione 3d del volto umano ha condotto un’ indagine su quale sia il sorriso ideale studiando tre parametri: angolo della bocca, ampiezza del sorriso, quantità di esposizione delle arcate dentarie. I risultati ci indicano che il sorriso perfetto deve avere caratteristiche di simmetria, poca esposizione delle…

Con la realtà virtuale meno dolore dal dentista

In una ricerca effettuata all’Università di Plymouth, Exeter e Birmingham ed in uno studio odontoiatrico Torrington (Devon) si è evidenziato che i pazienti che si sottopongono a cure dentali se vengono immersi in una realtà virtuale che li fa vivere una situazione di rilassamento in ambienti naturali, come coste, mare ed esperienze similari avvertono meno…

L’edentulia dell’uomo forse risolta da una ricerca sul pesce palla

All’ università di Sheffield UK Dipartimento di Scienze animali e delle piante il dr. Gareth Fraser, ha diretto un nuovo studio effettuato da un gruppo di scienziati internazionali (Museo di Storia naturale di Londra e Università di Tokyo) e ha evidenziato che i nostri denti si sono sviluppati da geni identici a quelli che formano la dentatura…

Marker salivari per la diagnosi precoce del morbo di Alzheimer

Con la metabolomica, nuova scienza che indaga le molecole interessate nel metabolismo, si è riusciti ad evidenziare che alcuni metaboliti salivari sono dei biomarcatori per la malattia di Alzheimer. Si auspica che a breve venga realizzato un test per la diagnosi precoce della malattia. Lo studio è stato realizzato da Steven Graham della Oakland University.…

Biotecnologie: in futuro stampa 3D e ricostruzione di ossa e tessuti boccali

Biotecnologie: in futuro stampa 3D e ricostruzione di ossa e tessuti boccali   Nuove realtà annunciate al convegno di Rimini della Sidp (Società italiana di parodotologia e implantologia) dal professore William Giannobile, del Department of Periodontics & Oral Medicine della University of Michigan. Su una struttura stampata in 3D, colonizzata da cellule e arricchita con…

Ictus, microemorragie cerebrali, demenza e salute orale

E’ stato evidenziato in uno studio di ricercatori giapponesi una correlazione tra microrganismi orali, microemorragie cerebrali e ictus.  La presenza di Streptococcus mutans cnm-positivo, un microrganismo orale associato alla carie, è correlato a microemorragie cerebrali. Lo studio della Kyoto Prefectural University of Medicine invita a una più stretta collaborazione tra medici e odontoiatri vista l’importanza…

Digrignare i denti (bruxismo) può danneggiare gli impianti endossei

Uno studio dell’Università di Malmö ha evidenziato che il digrignamento dei denti mette in pericolo gli impianti endossei, con una elevazione del rischio di circa tre volte.  L’indagine ha evidenziato che il bruxismo è più diffuso negli uomini. Altri elementi di criticità per il successo implantare sono il fumo, il diabete di tipo 1, farmaci…